PELLEGRINO DEL MIO DOMANI

 

imagesCAUO44Y0.jpg
Lungo e nodoso come un ramo di pioppo

Affumicato dal caldo e dallo sporco

Lentamente sul ciglio del viottolo

Appari al mio occhio distratto

Solitario

Marci lesto

Avanti d’un passo

Il tuo cane magro come un chiodo

Annusa

Per farti strada

Ogni tanto scodinzola in segno di ok

Vai avanti che ci sei

Non so perché

Il cuore mi si è stretto

Non di malinconia ma di gioia e allegria

La tua carne brunita

Elastica come quella d’un contorsionista

dura come quella di un marinaio

Nell’occhio stordito mi riluce

i muscoli spinzuti

sodi come quelli un ballerino

Che sta per alzarsi in volo

Per offrirsi alle note del vento

Mentre lotta con la tempesta del tempo

Per vedere quello che gira intorno

Dritto nell’occhio del mondo

Con ritmo cadenzato

Sulle nude spalle lo zaino

Dondola arrotolato il tuo giaciglio

Allora afferro

Ti vedo nel silenzio

Di notte in notte steso all’aria leggero

Abbracciare la prima stella

ramingare in paesi immaginari

Quelli dove alloggia la gente pulita

Lontano

Dal mondo frettoloso che di te se ne infischia

O forse no

Sei tu

Che te ne infischi di un mondo evidente

In cui la gente respinge

Senza vedere senza sapere

Alza solo la polvere del gran volere

Tu

Senza bagaglio

Dritto come un pioppo nero

Cammini leggero per vedere per sapere

Scruti visi e natura di terra in terra

Rifocillandoti con l’innocente meraviglia

Senza fardelli oscuri

T’abbeveri alla bellezza universale

Occhi lucenti

Sorrisi umani

Segui il tuo andare a un passo dal tuo cane

Avverto un canto strano

Viene da lontano

Ti guardo fisso

Non sei vagabondo ignaro

Sei viaggiatore dell’animo in cerca di segreti

Esploratore della sorte che sta alle porte

Il cane tuo spirito guardiano

Avanti di un passo

Ti trascina lungo il viottolo

Nodoso come un ramo di pioppo

Appari e scompari all’occhio

Per ricordare che il mondo è da sondare

Ascoltare

Assaporare

Stringere con intensità sulla nuda terra

Per sentire l’emozione fraterna

Vivere insieme la realtà globale

Amare senza bagagli strani

Un raggio m’abbaglia e tu scompari

Affumicato dal caldo e dallo sporco

Sul ciglio del viottolo

Pellegrino straniero del mio domani

e.r.

 

 

PELLEGRINO DEL MIO DOMANIultima modifica: 2010-12-02T16:25:00+01:00da dolcecreativa
Reposta per primo quest’articolo

22 pensieri su “PELLEGRINO DEL MIO DOMANI

  1. Potremmo definirlo “il manifesto in versi degli spiriti liberi”.
    Però mi ha rammentato un bel libro di Fruttero e Lucentini “L’ebreo errante”…e anche un pochino i ragazzi che se ne vanno con lo zaino sulle spalle a esplorare il mondo.
    Ha un che di mistico e realistico allo stesso tempo, insomma, è bella.
    ;-))

    Buona serata Dolce ;-))

  2. Ciao Dolce. A chi sono dedicate queste bellissime strofe? Ho la sensazione che sia un po più di un semplice pellegrino, il personaggio che ha provocato in te sensazioni che sanno tanto di mistico. Se non sei tu che hai vissuto esperienze da pellegrino, tanto da poterle raccontare a noi con queste belle parole che sono quasi delle immagini, deve essere stato un incontro particolare ad avertele suscitate! E’ bellissima. Dovremmo essere un po tutti “pellegrini”, ogni tanto, e spogliarci dei tanti fardelli che ci impediscono di vedere! Forse, alla fine, saremmo anche più “leggeri”!

    Sereno fine settimana a te e ciao!

  3. I viaggiatori del mondo, quelli veri, forse sono così. Tu però sei una viaggiatrice dell’anima che va dietro alle sue fantasie e immagina, forse, una realtà diversa.
    Felice sera.

  4. Ciao mia carissima dolce,
    ho avuto noie con il pc, adesso ho comprato un note-book per poter vedere la posta ecc…
    Ma non riesco a installare c6 per aggiornare il blog sigh!!!!! sigh!!!!! AIUTOOOOOOO!!!!!!!!! Carissima buona domenica. Bacioni.

  5. Ciao,tutto o.k? Pensa che il muschio io ce l’ho in terrazza,quindi non faccio manco la fatica d’andarlo a cercare. Ma ancora è presto ,ci penserò al presepe nell’imminenza della festività. ieri ho presentato la mostra di pittura di una mia amica dal titolo :La luce e l’incANTO: SPLENDIDA SEMPLICEMENTE !Questi sono i miei diversivi.
    Un abbraccio
    Corinina

  6. Non mi cimento mai nella realizzazione di poesie lunghe. Tu, invece, riesci benissimo a scrivere ottimi componimenti con tanti versi. Mi piace questa tua poesia, a partire dal titolo, molto significativo, per finire agli ultimi versi, che riprendono i primi in una struttura circolare e chiusa, che propone al proprio interno davvero bei versi e belle immagini.
    Buon inizio settimana.

  7. Ciao Dolce passerò l’immacolata in compagnia d’amici possibilmente fuori. Faccio il critico d’arte per hobby e solo per mia scelta .W. la libertà .
    Passa un buon ponte incoraggiante e felice!
    Corinina

  8. CIAO DOLCE , BUONA GIORNATA E BUON INIZIO SETTIMANA .
    .
    BELLISSIMI VERSI ………. COME SEMPRE SAI TRASMETTERE SERENITA’ E DOLCEZZA , ANCHE SE CON UN PIZZICO DI MALINCONIA ….
    .
    UNA DOMANDA SORGE SPONTANEA ………. PERCHE’ LA CARNE DEL MARINAIO E’ DURA ?
    .
    UN ABBRACCIO …….

  9. Ciao carissima Elda!!!

    Grazie per le tue dolcissime parole che bello è stato trovarti.

    Questa poesia meravigliosa come al solito con le tue versi che adoro.
    Sembra propriamente come viaggiare attraverso dei tuoi versi.

    Bella giornata dell’immacolata domani in compagnia dei tuoi cari.

    Tutto il bene per te.

    Bacione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *