Riflessi

Mi piace molto il mare. Ascoltare il suo rumore quando è in burrasca mi ritempra il fisico e mi istilla sensazioni di armonia sonora con l’invisibile, quasi di concertuale appartenenza animica a una sinfonia simbolica che,  con  note variamente acute, fluisce nell’etere pacificando la mia irrequietezza interiore. Guardarlo fissando le onde mi da sempre una percezione di movimento ineluttabile  in cui l’umanità, tra un onda e l’altra,  va e viene senza mai ripetersi, a volte risucchiata altre sbatacchiata  altre ancora frammentariamente riflessa, mai amorfa o statica.   Ma quel che mi affascina particolarmente è il potere che ha di stuzzicarmi, farmi reagire nell’essenza profonda, sintonizzarmi su lunghezze d’onda impercettibili all’occhio ma alquanto vibranti per i sensi. Soprattutto però è l’aspirare quel  suo profumo schiumoso che mi inebria perchè innesta nel pensiero riflessi di memorie burrascose.

466 modified

by e. r.

andando un dì…osservando..aspirando….ascoltando …  riflessi  pensieri l’anima schiumarono

Calendescopio

lilla

nel lilla dell’onda

straniera

fugge la terra

sacrificale ira

rotea bollente

malinconico abbandono

sugli scogli bruni

rombando fracassa

nuove sensazioni

sul tuo viso timido

il lilla dell’onda

delizie ritma

parole insperate

sui pennacchi spumosi

veleggiano infocate

caleidoscopico il sole

scenari cangianti

sulla terra ridente

raggiante filtra

a due cuori incantati

e. r.

cal5

svagando al tramonto…un di… in terra straniera …sulla spiaggia ….col sole in fronte…l’occhio  sull’acque  limpide…..e……e…..e…..la fantasia in compagnia…


L’andatura lenta va

cammelli.jpg

Oggi qua

domani là

l’andatura lenta va

un girovagare di parole
si perdon nell’andare

la chiarezza del cammino
intricata dal destino

si perde nel pensiero
del cammello piccolino
rimorchiato dal sonaglio
custode del serraglio
oggi qua domani là

la conquista incessante
è lontana all’orizzonte

l’apparenza è costruire

la ricerca un punto fermo

oggi qua domani là

l’andatura lenta va

nella vela della sera

arranca a malapena

l’ombra passeggera 

della donna di frontiera

lento è l’andare

adagio il vacillare

il bimbo si lascia dindolare

lo sguardo del beduino

rolla sopra il cammello

fissa  il punto d’arrivo   

nell’orma di primo mattino 

smarrisce il suo destino

 oggi qua

domani chissà 

l’andatura lenta va

 

 Girando per Djerba con  Monj Eugy Edoar Lidia

e.r.

 

 

ULTIMA NOTTE D’AGOSTO

veduta barca.JPG

pallidi sospiri

invadono il cielo

nel magico silenzio

di fine estate

alianti prede

sciama il pensiero

ride la luna

dietro una stella

sull’onda scivola

la bianca vela

rotola il mistero

entro il tuo sguardo

danza il mare

sul corpo caldo

l’ultima sera

d’un focoso agosto

salpa leggera

e-r-

 

sulla spiaggia..osservando l’orizzonte… in una isoletta greca ….in un agosto caldo…. 

 

 

 

 

 

 

NOI DUE VELE

insieme.jpg
 Teneri allacci

Scivolano

complice l’onda

accoglie

su ciglia schiuse

gravita perle

posa

filanti stelle

snoda l’acque 

 bianca scia

cammina morbida

a oriente il sole

vibra

sussulta il refolo

calde trasparenze

inclina

su nuda pelle

gorga

respiri lapislazzuli 

vola

sinuoso accento

all’orizzonte

fulge riflesso

rotola

magia sfrenata

passione infoca

sull’onda

il cuore balza

cullato dal moto

trasporta

farfalle colorate

noi due

intrepidi regatari

vele della vita

e.r.

 

EMOZIONE

emozione.jpg

al canto

mattutino

del mare

l’ emozione

si lascia dondolare

filtra la luce 

smodati

spiriti bollenti  

torcigli

esultano 

sguardi

allacciati

a fantasia

cavalcano

pensieri 

di carnale

lussuria

agganciato

l’infinito

pascolano

nell’azzurro

stacciando

limbi

ignoti 

deliziato

l’alito

sensuale

l’emozione

lascia il fluente

plana

su rena rovente

ammansita

abbraccia la sera 

con malinconica

preghiera

di ritorno

s’arrotola

nella marea

velando

l’orma del sentimento

rimasta

sul dondolo bianco

avanza

beffarda

l’avida  notte

 chiude

ogni

illusione

alla trepida

emozione

 

e.r