TRASFUGA PASSIONE

amadriade

Prima Che L’ aurora

Penetri

Nell’occhio Vitreo

Dell’agonizzante Notte

Perversa Amadriade

Ingordo Desiderio

Rifocilla

Sul Ciglio Renoso

Il Giorno Corrotto

Giovinezza Sgranella

Spirtato Biancore

Trasfuga Passione

Insonoro Consuma

Sulla Sprovvida Terra

Illogico Desiderio

Nemesi Deflagra

Implacabile Folgore

Luce Carbonizza

e. r.

 

 aspettando l’alba …un dì…sul mar rosso….

FORMICHE

formiche

 

sulle pietre riarse

inflessibili formiche

nel loro su e giù

automatico predare

operaio 

chimico richiamo

provvigiona

ritroso cammino

inesorabile

archiviate memorie

passerella

grafito patrimonio

lucchettato

quel su e giù

social ripetitivo

preda

sequenze umilianti

compulsivo

rotolar umano

l’occhio intercetta

sistemica

odorosoa efficienza

su pietre riarse

censurato estratto

rasetta

brulichio ermetico

in nuove rotte

granaia

e.r.

solare 

 svagando..osservando…. in un pomeriggio assolato..lente…silenziose…formiche…

 

A cielo aperto

Cometa-Siding-Spring-634x396

 

passeggiando di agosto… in piena notte..tra afa…calura … sagome avvinghiate o solitarie col naso all’insù… desideri e fantasia si infiammano… l’emozione vola…il cielo ti apre vie  magiche…tutto intorno ha una luce che ti penetra e ti  rinnova…e …tanto che ci sono auguro a tutti un  felicissimo ferragosto 

e.r.

Calendescopio

lilla

nel lilla dell’onda

straniera

fugge la terra

sacrificale ira

rotea bollente

malinconico abbandono

sugli scogli bruni

rombando fracassa

nuove sensazioni

sul tuo viso timido

il lilla dell’onda

delizie ritma

parole insperate

sui pennacchi spumosi

veleggiano infocate

caleidoscopico il sole

scenari cangianti

sulla terra ridente

raggiante filtra

a due cuori incantati

e. r.

cal5

svagando al tramonto…un di… in terra straniera …sulla spiaggia ….col sole in fronte…l’occhio  sull’acque  limpide…..e……e…..e…..la fantasia in compagnia…


Sembrava l’inferno…

partigiane

 

Sembrava L’inferno.

Tra Quelle Pietre

Rosse Di Sangue E Fosse Scavate

Da Bombe E Granate

Occhi Senza Più Lacrime

Pance Forate Da Spini

Notte E Giorno Strisciati

Solo Il Coraggio Folle

Camminava E Muto Urlava

Urlava E Avanzava

Incurante Di Chi Dietro Lasciava

Sui Colli Annichiliti

I Prati Sforaggiati

Vita E Morte L’inferno

Notte E Giorno Intrecciava

Morte O Vita L’eco

Giorno E Notte Ripeteva

A Quei Fagotti Scoloriti

Di Donne Bambine

Ormai Solo Lo Sguardo

C’era Di Donna

Duro Penetrava La Boscaglia

Puntava, Sparava

Sparava Puntava

Vita E Morte Non Contava

Passava E Ripassava

Sull’orizzonte Infernale

Un Solo Punto

Un Solo Punto

Faceva Strada A Occhi Braccia E Gambe

La Libertà

Sembrava L’inferno

Tra Quelle Pietre Rosse Di Sangue

Era Il Paradiso

im

grazie infinite ragazze

by e. r.